Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cagliari: se non ora… quando?

La partita con il Cesena può dare la scossa immediata

Condividi su:

L’ultima partita casalinga del girone d’andata, darà la possibilità di cancellare quello zero dalla casella che individua le vittorie tra le mura amiche. Al Sant’Elia arriva un Cesena, ancor più in crisi della compagine rossoblù, dove aver sostituito Bisoli con Di Carlo non ha sortito gli effetti sperati.

La vittoria è d’obbligo, non tanto per dimostrare che la rosa a disposizione può far bene, che Zola è meglio di Zeman o viceversa, ma semplicemente per iniziare la rincorsa verso zone di classifica che più si addicono alla storia del Cagliari.

Una vittoria onestamente non cambierebbe tantissimo in termini di sfiducia nell’attuale corso degli eventi, ma rappresenterebbe la classica molla per i giocatori che continueranno a vestire la maglia rossoblù e coloro che nelle prossime ore andranno a mettersi a disposizione di Mister Zola. Una combinazione tra campo e calciomercato potrebbe di fatto dare nuova linfa e entusiasmo all’interno dello spogliatoio rossoblù, ma anche e soprattutto a quell’ambiente rimasto deluso e scottato dalla vicenda Zeman.

Dopo un iniziale periodo di incertezza e a seguito della debacle siciliana, il presidente Giulini pare abbia rotto gli indugi, mettendo a disposizione risorse inaspettate e spesso tacciate di non essere realmente nella borsa dell’imprenditore milanese.

Il calendario e la classifica testimoniano che si è ancora nei tempi per poter invertire la rotta e magari, con un girone di ritorno in stile Ballardini, cancellare un inizio campionato da dimenticare. Obiettivamente non è mai troppo tardi, ma se non ora, quando?

Condividi su:

Seguici su Facebook